Home Anno 15° N° 56 Pag. 3° Maggio 2006 Renato Barbruni


Renato Barbruni
 METODO 

DISAGIO PSICOLOGICO E PSICOTERAPIE

L'azione dell'uomo é sempre in qualche modo legata a ciò che"egli sa di sé" o semplicemente e più frequentemente a ciò che "egli pensa di sapere di sé". Spesso infatti decidiamo cose sbagliate perché abbiamo una errata visione di noi stessi. L'azione dell'uomo é sempre in qualche modo legata a ciò che"egli sa di sé" o semplicemente e più frequentemente a ciò che "egli pensa di sapere di sé". Spesso infatti decidiamo cose sbagliate perché abbiamo una errata visione di noi stessi.

La psicoterapia analitica è quella prassi di intervento sul disagio psicologico che trova nella coriflessione (tra paziente e analista) sulla dimensione interiore degli accadimenti dell'esistenza, il momento essenziale al fine di superare lo scacco esistenziale espresso nella modalità del sintomo. L'orientamento teoretico e filosofico che ispira la prassi psicoterapeutica da me esercitata si inscrive nella psicologia analitica di orientamento junghiano e nella psicologia umanistico-esistenziale.
In queste psicologie, più che in altre, il sintomo, cioè il grumo di sofferenza patito, è collocato lungo lo scenario dell'esistenza della Persona, in quanto punto-momento di interruzione del fluire autentico della vita. Il sintomo, quindi, in questa visione olistica dell'essere umano, non può essere svincolato dall'insieme delle esperienze profonde del soggetto.

Strumento e prassi
Lo svolgimento di una psicoterapia attraversa varie fasi e si esprime in diverse modalità in cui vengono utilizzati diversi "strumenti". Il punto centrale è il colloquio che si instaura tra paziente e analista.
Il colloquio si esprime in diversi stili e si orienta ai diversi e molteplici contenuti della vita della Persona.
Si passa dalla biografia del paziente all'analisi dei suoi vissuti e dei sentimenti ad essi collegati fino all'interpretazione dei sogni. Attraverso il racconto di episodi salienti della vita si giunge ad una comune riflessione sul valore di quegli accadimenti e sul loro significato oltre che sulla loro portata esistenziale, quanto cioè quegli accadimenti abbiano inciso sulla vita. Proprio attraverso la riflessione sugli avvenimenti salienti della vita è possibile per il paziente rendersi conto delle proprie intenzionalità più autentiche. La presa di coscienza di queste varie intenzioni conduce ad una più profonda conoscenza di sé, a quella che viene chiamata "allargamento della consapevolezza di sé".

Studio biografico
Il raccontare la propria vita è una delle attività verbali più frequenti tra le persone. E' qualcosa che tutti fanno sia pure senza un particolare metodo e senza una finalità precisa se non quella di comunicare in fondo chi siamo. Ma non è poi così semplice raccontare di sé, o meglio sapersi raccontare al fine di conoscere meglio la nostra vita. Per uno psicoterapeuta è estremamente importante acquistare la capacità di facilitare il racconto di sé da parte del paziente. Jung diceva che la psicoterapia in fondo è un'arte, e in questo contesto è più evidente cosa intendesse dire. Il dialogo tra paziente e analista si può sviluppare in tanti modi, certo è importante che l'analista abbia l'abilità necessaria a far sì che il suo paziente riesca a narrare di sé nel modo più spontaneo e libero ma anche creativo. Questa qualità dell'analista (in parte derivante dalla sua preparazione, in parte proveniente dalla sua predisposizione personale in quanto elemento della sua personalità), aiuta il paziente ad inoltrarsi dentro di sé alla ricerca di quel saliente momento che c'è in ogni esperienza vissuta. Il racconto può risultare piatto e banale come in effetti la vita sembra mostrarsi, ma se sappiamo raccontare e ascoltare in modo adeguato, si procede oltre quella apparente banalità, e scopriamo momenti che così acquistano valore significativo per la nostra vita.
Vi sono registi cinematografici o scrittori che pur narrando di vite quotidiane fatte da sentimenti consueti riescono a trarre un'opera d'arte da quelle immagini e da quelle storie.Quello che comunemente è chiamato momento artistico è quel magico momento in cui ci appare un senso delle cose che trascende la realtà puramente materiale.
Così capita che mentre raccontiamo di quella particolare volta in cui eravamo con gli amici, in quella particolare sera abbiamo capito qualcosa di significativo di noi o della persona che amiamo.
Questo momento magico è reso manifesto dal saper raccontare.

I tre tipi di psicoterapia
Esistono fondamentalmente tre tipi di psicoterapia.La psicoterapia breve;la psicoterapia d'appoggio, e la psicoterapia analitica.
Un terapeuta preparato e ricco d'esperienza sa destreggiarsi in tutte e tre le forme, e sceglierà quella più appropriata in base alle esigenze e in funzione alle aspettative della Persona.Solitamente un terapia breve ha una durata di qualche seduta ed è mirata ad alleviare la presenza di un particolare sintomo dalla vita del paziente. Naturalmente il sintomo in questione non avrà una particolare tenacia o non sarà profondamente radicato nell'esperienza interiore della Persona, altrimenti un terapia breve non può avere nessun effetto durevole. Spesso si scambia l'effetto della semplice rassicurazione (che alle volte ha buon esito in personalità plastiche) come una forma di terapia breve. O altrimenti si scambia l'assuefazione ad un certo comportamento appreso come terapia breve. Nessuna terapia breve può veramente risolvere un vero problema, lo può attenuare o peggio nascondere. Si deve essere molto chiari su questo.
Quando la situazione sintomatologica della Persona è complessa e profonda l'unica via è una psicoterapia di ampio respiro che tocchi vari elementi della personalità.
La psicoterapia d'appoggio è indicata in particolari stati d'animo di sofferenza, in situazioni esistenziali dove la Persona ha smarrito la sua naturale capacità di affrontare i problemi in modo autonomo. In questi casi necessita di un appoggio per prendere certe decisioni o per maturare un più appropriato atteggiamento di fronte a certe nuove necessità. Immaginiamo ad esempio quando la Persona si trova a vivere un lutto improvviso, o una separazione particolarmente sofferta. Spesso queste sofferenze hanno solo bisogno di un qualificato appoggio che sappia, sia pure attraverso un sostegno, spingere la Persona verso il rinnovamento di sé, un rinnovamento che restituisca un senso nuovo alla propria vita. In questo ambito l'elemento "conoscenza di sé" assume una portata circoscritta e comunque mirata al campo della decisione. Non va comunque mai dimenticato che la "conoscenza di sé" è il primo atto di ogni agire. L'azione dell'uomo è sempre in qualche modo legata a ciò che "egli sa di sé", o semplicemente e più frequentemente a ciò che "egli pensa di sapere di sé". Spesso infatti decidiamo cose sbagliate perché abbiamo una errata visione di noi stessi. Quindi "sapere di sé" è fondamentale. La differenza è l'approfondimento di questo "sapere". Nella psicoterapia d'appoggio è un sapere limitato e circoscritto alla situazione in se stessa; nella psicoterapia analitica il sapere di sé diviene il punto centrale. Il lavoro nobile è la conoscenza di sé, il sottoprodotto o effetto è il giusto comportamento, giusto in quanto consono a quel sapere di sé.

Renato Barbruni (Psicoterapeuta in San Remo. http://www.barbruni.it)


Renato Barbruni


 HOME     TOP   
Tutti i diritti sui testi qui consultabili
sono di esclusiva proprieta' dell'Associazione G.E.A. e dei rispettivi Autori.
Per qualsiasi utilizzo, anche non commerciale,
si prega prima di contattarci:

Associazione GEA
GENOVA - Via Palestro 19/8 - Tel. 339 5407999